Villa Doria

                                               Villa di Pompeo Magno

 

 

Villa imperiale di Pompeo Magno

Villa costruita da Pompeo Magno tra il 61 e il 58 a.C. con i proventi del bottino della guerra mitridatica. Fu poi ereditata dal figlio Sesto e in seguito passò a Dolabella e quindi all'Imperatore Augusto.
Nel corso del tempo la villa subì ampliamenti, ristrutturazioni e restauri; il corpo centrale era alto 3 piani.
La villa era abbellita da ninfei, statue, fontane, giardini e altre costruzioni.
Oggi si conservano i ruderi del piano terra, che si estendono su 9 ettari di superficie.
I reperti rinvenuti sono conservati nei Musei Capitolini di Roma e nel Museo Civico di Albano.
I ruderi della villa si trovano all'interno del giardino comunale Villa Doria e sono visibili percorrendo i viali della villa, mentre per visitare le cisterne è necessaria la guida del museo civico previo pagamento del biglietto.